Aggressione in pronto soccorso, tre infermieri feriti

Gli operatori sono stati prima insultati e poi assaliti da un 37enne di Ciriè che lo scorso agosto aveva già tentato di accoltellare dei passanti in corso Nazioni Unite
ospedale ciriè.jpg

Ennesima aggressione al pronto soccorso dell'ospedale di Ciriè. Stavolta a farne le spese sono stati tre infermieri dell'Asl To4, due della psichiatria e uno del dea. Gli operatori sono stati prima insultati e poi assaliti da un 37enne di Ciriè che lo scorso agosto aveva già tentato di accoltellare dei passanti in corso Nazioni Unite, a Ciriè. Uno dei tre addetti rimasti feriti è Marco Boccacciari che è pure il rappresentante del Nursind dell'Asl To4. «Ma questo è solo l'ennesimo episodio – riflette amaramente – più volte abbiamo segnalato alla direzione dell'azienda le condizioni in cui siamo costretti a lavorare, ma non cambia mai nulla. E se quella persona fosse stata armata cosa poteva succedere? C'era anche molta gente in sala d'aspetto e si è spaventata». In pronto soccorso, ancora una volta sono dovuti correre i carabinieri di Ciriè e i tre infermieri, dopo essere stati medicati dai colleghi, sono in infortunio. «È da anni che chiediamo all'Asl To4 di garantire più sicurezza al pronto soccorso del polo sanitario di Ciriè – spiega Giuseppe Summa, segretario provinciale del Nursind -. A Ivrea, per esempio, sono stati inseriti i carabinieri in pensione per sorvegliare. A Chivasso, in certe fasce orarie, c'è una guardia. A Ciriè nulla, ci chiediamo perché».

In questo articolo: