Aveva proiettili, passamontagna e un rilevatore di microspie: arrestato per violazione dei domiciliari e per minacce

Si tratta di Cristian Truisi, 30 anni, abitante a Ciriè, pregiudicato: a dicembre la sua Mercedes era stata danneggiata a seguito dell'esplosione di colpi d'arma da fuoco
arresto truise.jpg

I carabinieri lo tenevano d'occhio da tempo: nel corso della perquisizione a casa gli hanno infatti trovato e sequestrato 12 proiettili di differenti calibri, un passamontagna e un rilevatore di frequenze per la ricerca di microspie. Tra l'altro l'uomo era agli arresti domiciliari e i carabinieri avevano riscontrato che durante il periodo detentivo aveva violato le prescrizioni a cui era sottoposto: tra le accuse nei suoi confronti anche minacce. Si tratta di Cristian Truisi, 30 anni, abitante a Ciriè, pregiudicato: a dicembre la sua Mercedes era stata danneggiatta a seguito dell'esplosione di colpi d'arma da fuoco. L’uomo è stato accompagnato in carcere da carabinieri di Cirié che gli hanno notificato un decreto di Esecuzione sospensione della misura della detenzione domiciliare e conseguente ordine di carcerazione.

In questo articolo: