Dopo gli spari alla pizzeria il testimone di giustizia visita la città: «Solidarietà e interesse per il territorio»

Il sopralluogo a Ciriè di Pino Masciari
masciari e micali.jpg
Pino Masciari e Antonello Micali

Un gesto più che altro simbolico ma importante, da persona che da più di vent’anni ormai è in prima linea contro la criminalità organizzata, da quando da imprenditore denunciò la ‘ndrangheta, entrando nel programma di protezione come testimone di giustizia con tutto quel che ne deriva in tema di stravolgimento della vita: così Pino Masciari, recentemente candidato alle politiche per i 5 Stelle, ma soprattutto attivo da anni nell’associazionismo antimafia, si è recato a Ciriè, la scorsa settimana, all’indomani del raid in stile mafioso contro la pizzeria di via Prevert: «Per dare solidarietà a questo territorio dove ho molti amici e per documentarmi e dare a mia volta un contributo cognitivo al fenomeno alla luce della mia dolorosa esperienza». Masciari ha voluto incontrare il direttore del Risveglio, Antonello Micali per un confronto sul tema e raccogliere informazioni sul nostro territorio.

In questo articolo: