Detenuto in Serbia: «Grazie per l'affetto dimostrato a Mauro ma ora serve cautela»

Intanto anche l'Assemblea dei Cdr e dei Fiduciari della Rai, riunita a Roma giovedì 22 marzo, e l'Usigrai si uniscono alla richiesta della Fnsi e della Associazione Stampa Subalpina affinché le autorità italiane intensifichino le pressioni sul governo serbo per ottenere la liberazione del giornalista
mauro donato libero!.jpg
La foto di Mauro Donato con gli hastag sulla rete per ottenerne la liberazione

La Fnsi, anche attraverso l'Ifj, continua a seguire con attenzione la vicenda di Mauro Donato, il fotoreporter torinese arrestato alcuni giorni fa in Serbia mentre svolgeva il proprio lavoro. La famiglia di Mauro ha inviato un messaggio a quanti si sono attivati per il fotoreporter in cui ringrazia le autorità e i giornalisti italiani per la vicinanza e per l'impegno nella delicata vicenda.

Questo il testo della lettera: «Siamo tuttora molto preoccupati per la situazione che sta vivendo Mauro, ma abbiamo deciso di scrivere a tutte le persone che si sono interessate in questi giorni al suo caso attraverso il suo sito web. Moltissimi privati cittadini, giornali e Istituzioni infatti hanno testimoniato a gran voce la loro solidarietà nei confronti di Mauro, e si sono uniti a noi nel chiedere che venga fatta luce il prima possibile sulla vicenda che l'ha portato a essere tuttora detenuto - a nostro avviso ingiustamente - in carcere in Serbia. E per questo ringraziamo di cuore tutti quanti. Purtroppo, nonostante il lavoro della Farnesina e dei legali, la situazione non si è ancora sbloccata. Vista la delicatezza del momento, chiediamo a tutti di mantenere sì alta l'attenzione, ma di usare la massima cautela nei modi e nei toni, al fine di non interferire con il lavoro dei nostri legali. Chiediamo questo al solo scopo di rendere la liberazione di Mauro il più veloce possibile. Grazie ancora a tutti quanti: continuate a sperare con noi».

Intanto anche l'Assemblea dei Cdr e dei Fiduciari della Rai, riunita a Roma giovedì 22 marzo, e l'Usigrai si uniscono alla richiesta della Fnsi e della Associazione Stampa Subalpina affinché le autorità italiane intensifichino le pressioni sul governo serbo per ottenere la liberazione del fotoreporter «in stato di fermo da ormai oltre una settimana - ricordano i rappresentanti dei giornalisti Rai - per una accusa già ampiamente smentita dai testimoni. Mauro Donato è un professionista serio e rigoroso, che era in Serbia da tempo solo per documentare la tragedia umanitaria di centinaia di migranti lungo la cosiddetta rotta balcanica».

In questo articolo: