Condividi contenuti

Anpi

La settimana scorsa, presso la Rsa della Casa dei Pini di San Maurizio, è mancato Armando Martinetto, il “Triestin”.

Le “Person dij Partigian”, i luoghi della memoria resistenziale recuperati in forma espositiva, su idea del partigiano Giuseppe “Lothar” Brunetta, presso l’edificio scolastico di via Bo, si arricchiscono, a poco più di un anno dall’inaugurazione, di nuovi importanti ricordi, che danno un volto e un nome ai partigiani detenuti negli scantinati dell’edificio.

“Bottoni d’oro”Si chiamava Enzo Ruspino, il “partigiano che amava il mare”, barbaramente trucidato sotto il ponte dell’autostrada di Settimo durate i giorni più bui della guerra civile.

Una gita in Emilia Romagna per riscoprire la storia e i paesaggi di una terra generosa.

La scuola e l’Amministrazione comunale, insieme per ricordare i valori e l’insegnamento del 25 aprile.

Viviamo nella libertà e nella democrazia.

«Questo è sicuramente il 25 Aprile più triste nella storia della nostra giovane Repubblica».

Chi pensa che i valori del 25 aprile siano soltanto appannaggio dei più anziani si sbaglia, e di grosso.

Sabato 6 aprile la Sezione "Aldo Giardino" dell'Anpi ricorda la Battaglia di Nole del 3 marzo 1944. Prima la commemorazione dei caduti, poi il corteo musicale fino al "Nole forum" per la merenda sinoira, le letture a cura dell'associazione Macapà e l'atteso dibattito conlcusivo "La Resistenza, al presente", con gli interventi del presidente dell'Anpi provinciale, Diego Novelli, e di Fulvio Gambotto