Condividi contenuti

Leinì

Un grosso incendio sta impegnando da circa due ore numerose squadre di vigili del fuoco a Leinì

Non ce l'ha fatta Riccardo Pergola, l'operaio di 54 anni di Leinì che una settimana fa era rimasto intossicato da inalazioni di acido cloridrico.

Due camion che trasportavano giostre per bambini e che erano parcheggiati uno accanto all'altro in un piazzale a Leinì (in viale Europa) sono stati distrutti da un incendio divampato questa mattina intorno alle 6

Secondo i carabinieri che li hanno arrestati spacciavano stupefacente e a tradirli e stata la “scia” lasciata dai loro stessi affari, ovvero il forte odore di erba che si diffondeva da qualche tempo in tutto il condominio.

I carabinieri del Nucleo Investigativo, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Venaria, hanno arrestato tre persone responsabili di decine furti e spaccate a negozi nonché scippi ai danni di donne anziane

L'annnuncio sul sito lascia spazio a pochi dubbi: «Leini vicino Setimo Torinese e Caselle Torinese. Arrivato 3 bellissime, poche parole, viene e non te ne pentirai di sicuro. Mulatina piccante e disponibilissima....».

Ieri sera, a Leini, in via Balbo, i carabinieri della stazione, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e vigilanza sul commercio e detenzione illecita artifici pirotecnici, hanno denunciato un magazziniere italiano di 42 anni, per fabbricazione e commercio abusivi di materiale esplodente e omessa denuncia di materie esplodenti.

Aveva scambiato la madre, la zia e la nonna materna per dei bancomat. E, per farsi consegnare i soldi le minacciava pesantemente, pure di morte. Remigio Bruno, 34enne, disoccupato è stato arrestato dai carabinieri di Leinì, proprio mentre minacciava di morte la zia perché voleva subito 1000 euro.

Durante un normale controllo su strada i carabinieri hanno fermato a Leinì un autocarro Mercedes con targa polacca con a bordo un muratore ucraino di 39 anni e un operaio romeno di 32 anni