Condividi contenuti

Druento

Ore convulse negli stabilimenti Ims di Sparone e Druento, le cui maestranze sono in sciopero da venerdì 19. La scorsa settimana a Torino, presso lo Studio del Curatore fallimentare Torchio, c'è stato l’incontro richiesto da FIOM CGIL e FIM CISL per discutere delle prospettive delle due unità produttive al fine di garantire occupazione e continuità produttiva, nonostante la recente dichiarazione di fallimento da parte del Tribunale di Torino della IMS.

Nuova agitazione alla Ims di Sparone e Druento, azienda fornitrice di FCA e CNHI che occupa circa 350 lavoratori, acquisita e salvata dal fallimento dal Gruppo Tiberina ad inizio del 2015.

Si è conclusa positivamente l’odissea degli oltre 250 lavoratori rimasti in Ims, azienda
produttrice tra l’altro di componenti per la Maserati e per Iveco che da dicembre, con gli scioperi negli stabilimenti di Druento e Sparone, avevano fatto emergere
la grave situazione finanziaria della società e il conseguente rischio occupazionale.

I contenuti del progetto sono stati rivelati durante una conferenza stampa che si è svolta venerdì 12 a Druento presso la Trattoria “J’amis d’la sucetà”, uno degli esercizi che ha aderito alla rete.

Dalle ore 15.00 Camminata sportiva NON competitiva, con il centro autorizzato “fitwalking” di Druento, in un percorso naturalistico da 6 e 9 Km, patrocinato dal Comune.
Ritrovo: ore 15.00 in Piazza del Comune - iscrizioni possibili fino a mezz’ora prima della partenza della gara
Costi: € 10 adulti - € 5 ragazzi – TUTTI I RICAVATI VERRANNO DEVOLUTI A TELETHON

Si inaugura oggi alle 15 il nuovo ingresso al parco la Mandria, lato Robassomero.
Sarà presente l'assessore regionale ai parchi e alle aree protette Alberto Valmaggia, insieme al sindaco di Robassomero Antonio Massa.

Interrotta in attesa degli incontri di martedì e mercoledì l’agitazione dei lavoratori della Ims.

Cinquanta persone lievemente intossicate dallo spray urticante spruzzato da una bambina di 8 anni: l'incredibile episodio è accaduto stamane intorno alle 10,30 a Druento, nel poliambulatorio Asl di via Morandi 7.

È morto sul colpo Roberto Musi, 52 anni, operaio di Druento. Mercoledì 19 marzo, poco prima delle 6, stava andando al lavoro quando, al volante della Punto, si è scontrato frontalmente con un'altra vettura.