Stangata sui commercianti abusivi di fiori. Pizzicato con l'hashish alla stazione

Mimose illegali e stupefacente nel mirino dei finanzieri di Lanzo
dirtytoys.JPG
Le fiamme gialle sono in prima linea nella lotta alla contraffazione e all'illegalità più in generale che danneggiano il commercio

I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Lanzo Torinese, nella giornata di giovedì 8 marzo, hanno individuato e perseguito quattro venditori abusivi fiori completamente privi della prescritta licenza per il commercio ambulante. Si tratta di C.F., italiano di 36 anni, B.Z., italiano di 62 anni, L.C., italiano di 56 anni e di F.E.R., marocchino di 49 anni.
I tre sono stati sorpresi mentre erano intenti a vendere fiori, in prevalenza mimose, agli incroci posti lungo la strada provinciale n. 2, nei Comuni di Balangero, Villanova Canavese, Nole e Ciriè.
I Finanzieri della Tenenza di Lanzo Torinese, diretti dal Luogotenente Michele Veneziano, hanno quindi provveduto, a carico di ognuno dei venditori abusivi, alla contestazione della violazione amministrativa prevista per il commercio abusivo, che prevede una sanzione di 5.164,00 euro, nonché al sequestro amministrativo dei prodotti floricoli, per un totale di 315 confezioni.

Il giorno successivo, venerdì 9 marzo, una pattuglia di Finanzieri della stessa Tenenza ha poi proceduto all’identificazione di P.F., italiano di 31 anni, che si aggirava con atteggiamento sospetto nei pressi della stazione GTT di Ciriè. Durante il controllo veniva accertato il possesso, da parte del giovane, di circa cinque grammi di “hashish”, che sono stati sottoposti a sequestro.
Il detentore della sostanza stupefacente è stato segnalato al Prefetto per violazione all’art. 75 del D.P.R. 309/1990 e verrà conseguentemente sottoposto al prescritto percorso socio-riabilitativo.

In questo articolo: