Venaria Reale, una mostra ispirata a sette temi storici del centenario 1917-2017

Gruppo.JPG

Nell’ambito della terza edizione di Libr@ria, è stata presentata la mostra ispirata a sette temi storici del centenario 1917-2017, con modelli statici di rilevante importanza per gli argomenti trattati. La mostra è stata realizzata dai marinai della sezione “Mario Cagnassone” e dai modellisti del Club 296 Model. L’esposizione è stata allestita nella sala espositiva comunale di via Mensa 34, a Venaria Reale.
Un viaggio storico raccontato attraverso settanta modelli statici esposti tra aerei, navi antisommergibile, auto, diari di bordo, stemmi, biciclette realizzate in legno e tanto ancora, correlati da fotografie d’epoca e da filmati dedicati ai temi esposti. I modelli sono stati realizzati dai soci delle due associazioni. I temi scelti per la mostra sono stati: la Rivoluzione Russa dell’ottobre 1917, con fotografie della fine dello zarismo e l’ascesa del potere dei Soviet; il centenario della disfatta di Caporetto (o dodicesima battaglia dell’Isonzo) con immagini e reportage originali dei militi al fronte, i fucili con baionetta, i cannoni tonanti e i volti del terrore della guerra; la storia della Fiat 500, con in mostra vari modelli che hanno rappresentato il benessere del proletariato fin dal 1957. Interessanti i disegni tecnici dell’epoca; la prima trasvolata atlantica, in solitaria dell’intrepido Charles Lindbergh del 1927. In mostra un modello statico dell’aereo: Ryan NYP “Spirit of St. Louis “, costruzione a cura del socio Marco Zambelli; la storia dei MAS (Motoscafo Armato Silurante) con esposto il Regio MAS 15, comandata da Luigi Rizzo, Eroe di Premuda, del 10 giugno del 1918. Esposti con vari modelli anche i SLC (siluro a Lenta Corsa), strumenti d’eroi denominati “maiali” da uno dei suoi inventore Teseo Tesei, maggiore del Genio Navale. Esposta la Xma Flottiglia del 1935-1945.
Il viaggio nella storia si ferma, con una particolare attenzione, all’eliporto “Mario Santi”, sede del 34° Gruppo Squadroni Aves Toro: i modellisti hanno esposto i quattro modelli di elicotteri AB 205 denominati “Poker d’Assi” (regalo dei modellisti alla base militare venariese). La rappresentazione degli elicotteri originali che hanno prestato servizio in Libano (Naquora dal 2007 al 2008). Al termine della missione Onu e dopo un volo a tappe di oltre 4000 chilometri, gli stessi sono stati destinati all’eliporto di Venaria Reale. Nel giorno di apertura della mostra, una piccola sorpresa ha coinvolto i visitatori e gli ospiti: una cerimonia di consegna, da parte dei luogotenenti Vincenzo Bilardo e Nicola Labruna in forza all’eliporto, hanno regalato a Claudio Genta un’enciclopedia del Volo con tre volumi che riportano la storia dell’aeronautica dal 1848-1939, 1939-1945 e 1945-2005. “Claudio Genta è la memoria storica di tutto ciò che riguarda i tempi passati, ma anche quelli attuali del nostro aeroporto. Il nostro presente è un ringraziamento a Claudio per averci sostenuto con la sua presenza a tutti gli eventi ed incontri che sono stati organizzati nella base ", ha spiegato il luogotenente Vincenzo Bilardo. "Un omaggio e un riguardo per la sua disponibilità e passione per l’aereonautica – ha aggiunto il luogotenente Nicola Labruna - con questi volumi potrà ravvivare la sua memoria storica e regalarci ancora, nuovi ed emozionanti momenti storici da ricordare”.
Un brindisi e tanti applausi hanno regalato momenti di coesione e riconoscenza da parte di tutti i partecipanti per il lavoro che Claudio Genta ha sempre svolto e svolge nell’ambito delle associazioni gemellate. “Una sorpresa che mi ha emozionato, grazie agli amici dell’eliporto, perché sono al corrente della mia passione per gli aerei ed elicotteri, in effetti seguo con passione la storia dell’eliporto Mario Santi, fin dal 1909 ai giorni d’oggi – ha detto Claudio Genta - il mio archivio è colmo di materiale e notizie legati ai reparti che sono stati dislocati e che si sono succeduti a Venaria, sia in tempo di guerra che in tempo di pace. In tutto questo lungo periodo storico non ho dimenticato tutti i tipi di modelli, circa quaranta, che hanno utilizzato l’eliporto venariese come base. Grazie di questo bellissimo regalo che mi darà l’opportunità di approfondire ancora di più la storia che mi appartiene e che appartiene a tutti i venariesi”.
Il registro dei marinai e dei modellisti ha accolto le firme e i complimenti dei visitatori. Presenti Gennaro Ciotola, presidente del Club 296 Model Venaria, e Gabriele Fappiano, presidente della sezione dell'associazione marinai Mario Cagnassone, oltre naturalmente ai soci: tutti insieme sono stati disponibili a descrivere l’interessante esposizione di modelli ai tanti visitatori.

In questo articolo: