«Luogo inabitabile», il gip dispone il sequestro del campo sinti di Villanova

Per gli investigatori, coordinati dal pm Chiara Molinari, non ci sarebbero i requisiti necessari per viverci
cc nomadi villanova.jpg
Carabinieri nei pressi dell'accampamento posto sotto sequestro

Il gip Marianna Tiseo ha disposto il sequestro del campo dei sinti di Villanova dove vivono 25 persone. Per gli investigatori, coordinati dal pm Chiara Molinari, non ci sarebbero i requisiti necessari di abitabilità. I carabinieri di Mathi hanno denunciato per abuso edilizio sei donne che risultano proprietarie delle abitazioni. Ma il provvedimento del Tribunale di Ivrea precede, quasi sicuramente, quello dell'abbattimento dei prefabbricati e la ricollocazione del campo, diviso in due lotti. Uno è un lascito della parrocchia all'inizio degli anni '70, l'altro lotto è invece di prorietà del Comune. «Noi saremmo ben contenti di poter offrire a queste persone una collocazione migliore – riflette Roberto Ferrero, il sindaco di Villanova – la verità è che non abbiamo né le risorse, né i mezzi». Specifica: «Il Comune non è proprietario di edifici o di altri terreni dove poter dare ospitalità. Da parte mia e della mia amministrazione c'è la massima disponibilità a risolvere la situazione».

In questo articolo: