Per il tribunale di Ivrea «La Comital è fallita»

110 i lavoratori coinvolti, la cui cassa integrazione scade a novembre. La Fiom Cgil: «La magistartura fallimentare riveda la decisione»
comital tensioni.jpg

La Comital è fallita: la notizia è stata resa nota stamattina dalla Fiom-Cgil: alla fine il Tribunale di Ivrea ha deciso, in mancanza di offerte d'acquisto, ha decretato il fallimento dell'azienda, leader nel settore dell'alluminio e che ancora occupa circa 110 dipendenti.
Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil, e Julia Vermena, responsabile della Comital per la Fiom-Cgil torinese, dichiarano: «Decisione inaccettabile, non tiene conto delle residue prospettive industriali e della situazione dei lavoratori, fin qui tutelati da una cassa integrazione che dovrebbe proseguire fino a novembre. Insieme ai lavoratori, che proprio un anno fa erano stati a lungo davanti ai cancelli dell'azienda per scongiurarne la chiusura,decideremo nelle prossime ore tutte le iniziative affinché il Tribunale riconsideri la sua decisione e per rimettere in campo la giusta attenzione che questa vertenza deve avere».
Sulla vicenda è intervenuta anche l'assessora regionale al Lavoro Gianna Pentenero,: «Apprendo con preoccupazione la notizia del fallimento decretato oggi dal Tribunale di Ivrea per la Comital di Volpiano. Era già mia intenzione, dopo la scadenza dei termini per il concordato, convocare un incontro, che la decisione di oggi rende ancora più urgente. La Regione Piemonte ha sempre seguito con la massima attenzione la vicenda, facendosi da mediatore tra le parti, fino al raggiungimento, nel novembre dello scorso anno al termine di una lunga e complicata trattativa, dell’accordo sulla sospensione dei licenziamenti e il ricorso alla cassa integrazione per crisi aziendale per 12 mesi. La notizia di oggi apre scenari imprevisti e preoccupanti, su cui è necessario avviare subito un confronto»

In questo articolo: