Articolo

11 gennaio 2021 Ciriè Antonello Micali

L'animale, un border collie di 5 anni, è rimasto due settimane senza mangiare e bere

Il padrone in carcere e il povero cane "nascosto" per 14 giorni in un garage: ritrovato e salvato da Lida e carabinieri appena in tempo

Il proprietario era finito in manette per stalking, aggressione e lesioni

Il padrone in carcere e il povero cane "nascosto" per 14 giorni in un garage: ritrovato e salvato da Lida e carabinieri appena in tempo
La ricerca dell'animale, anche con l'utilizzo di social e passaparola, era partita prima di Natale, a fronte delle segnalazioni giunte al sodalizio animalista e agli stessi carabinieri di Ciriè da parte dei residenti vicini che - saputo dell'arresto dell'uomo - ricordavano la presenza dell'animale solo pochi giorni prima sul balcone
Due settimane senza mangiare e bere. E dopo, prima di arrivare allo stremo delle forze - spegnendosi lentamente, accucciato in un angolo del garage dove era stato nascosto -  aver disperatamente abbaiato chissà per quanti giorni: è stato trovato in questo modo, e fortunatamente tratto in salvo, da carabinieri e guardie zoofile della Lida il border collie di 5 anni che il suo "padrone" aveva occultato in un garage a due passi dalla casa comunale di Ciriè, in pieno centro città, prima di essere arrestato per stalking, aggressione e lesioninei giorni di Natale. Una vicenda per la quale è ora in carcere e che ha visto il titolare della donna che perseguitava finire all'ospedale.
 
Da quel momento era scattata -  anche con l'utilizzo di social e passaparola -  la ricerca del povero cane, a fronte delle segnalazioni giunte al sodalizio animalista e agli stessi carabinieri di Ciriè da parte dei residenti vicini che -  saputo dell'arresto dell'uomo -  ricordavano la presenza dell'animale solo pochi giorni prima  sul balcone del palazzo dove aveva il domicilio.
 
In merito all'autore di tali e incomprensibili maltrattamenti: si tratta di un profilo particolare, sul quale gravano già maltrattamenti pregressi ad animali: l'uomo sarebbe solito affittare appartamenti e garage dove sposta spesso le sue masserizie, animali compresi, che parrebbe  utilizzare per "avvicinare" e cercare di destare l'interesse delle donne.
 
Pertanto, almeno per quel che attiene agli animali, l'uomo (L.D., 36 anni e alcune pendenze per millantato credito, si spacciava di volta per ufficiale, agente dei servizi, della protezione civile etc) è un recidivo, visto che solo un anno fa i civich di Ciriè gli avevano sequestrato un altro cane che anche in quel caso aveva "dimenticato" in uno dei suoi garage: «Ecco perché -  afferma la responsabile della LIda Ciriè-Valli di Lanzo, Laura Masutti, che si è occupata del caso con le forze dell'ordine -  posto che come sempre ci accolleremo le spese delle cure e del sequestro giudiziario dell'animale - occorrerebbe che i giudici in tali sentenze rimarchino la certa impossibilità per tali soggetti di tenere ancora animali in futuro».
 
(Nelle foto, il cane che ora è in cura alla clinica veterinaria e il magazzino dove era stato occultato per 14 giorni senza acqua e cibo)
 
 
AAA