Articolo

08 luglio 2021 Alto canavese Redazione

Grazie al progetto "Macro Ambito 3", che coinvolge Ciac, Regione e Adecco

Una rete virtuosa per favorire occupabilità e placement in Canavese

L'agenzia di formazione canavesana ha stipulato accordi di collaborazione con cinque agenzie per il lavoro

Una rete virtuosa per favorire occupabilità e placement in Canavese
Economia e Lavoro
I corsi vanno da un minimo di 40 fino ad un massimo di 300 ore, e possono essere realizzati anche in piccoli gruppi. La selezione dei partecipanti al corso sarà a cura di CIAC e Adecco e il corso prenderà avvio dal mese di settembre

Ciac aderisce al progetto “Macro Ambito 3”, finanziato dalla Regione Piemonte, con cui l'agenzia di formazione canavesana ha stipulato accordi di collaborazione con cinque agenzie per il lavoro per rafforzare l’occupabilità e la permanenza, l’ingresso o il reingresso nel mercato del lavoro di giovani e adulti disoccupati. Il progetto prevede il coinvolgimento, da parte di Adecco, di alcune aziende del territorio. Tra queste M4U, azienda di Forno Canavese in forte crescita ed altissima specializzazione, che opera sul mercato della componentistica meccanica di precisione.

«Dall’incontro tecnico con i docenti dell’area industriale di CIAC e i consulenti di Adecco è stato
progettato un corso di formazione ad hoc modellato sulle nostre specifiche esigenze», spiega Fabrizio
Carlino, responsabile di produzione di M4U. 

«Abbiamo organizzato una triangolazione virtuosa - aggiunge Francesco Ailliaud, Branch Manager di Adecco Italia - che parte dalle necessità aziendali e dalle risose economiche messe a disposizione dalla regione attraverso la professionalità del CIAC, le competenze di Adecco in ambito Risorse Umane e i bisogni di M4U, coinvolta già in fase progettuale e dunque al centro della propostaformativa».

I corsi vanno da un minimo di 40 fino ad un massimo di 300 ore, e possono essere realizzati anche
in piccoli gruppi. La selezione dei partecipanti al corso sarà a cura di CIAC e Adecco e il corso
prenderà avvio dal mese di settembre.

«Quella con Adecco e con altri patner, oltre che i centri per l’impiego pubblici, è una collaborazione
importante – dice Cristina Ghiringhello, Direttore Generale di CIAC - che mira a sostenere
l’occupazione e chi fa impresa; puntiamo su una formazione di alto livello, volta a ottimizzare le
possibilità di un inserimento lavorativo dei partecipanti al termine del corso. I nostri docenti hanno
un background aziendale, perché provengono dalle aziende del territorio e ne comprendono le
esigenze. Una formazione, dunque, al servizio delle aziende, ma anche delle persone disoccupate
che hanno una prospettiva concreta di inserimento».

(Nella foto Cristina Ghiringhello Direttrice Generale CIAC, Omar Perardi docente tecnico CIAC, Luisa Maggia Direttrice Lavoro e Imprese CIAC, Francesco Ailliaud Branch Manager di Adecco Italia e Mara Algieri Responsabile di Selezione e Servizio presso Adecco Italia)

AAA