Articolo

12 novembre 2018 Ciriè

Qualcuno aveva sparato due pallettoni calibro 12 contro le vetrine dell'Aci e Sara Assicurazioni di via San Maurizio, a Ciriè

Suicida la titolare dell'agenzia presa a fucilate poco più di un mese fa

Ora gli investigatori, comandati dal tenente Andrea Zendron, stanno effettuando una serie di verifiche per capire, soprattutto, se il gesto disperato della donna possa essere collegato al grave episodio di cui la donna era stata vittima a settembre

Poco più di un mese fa qualcuno aveva sparato due pallettoni calibro 12 contro le vetrine dell'Aci (Automobile Club Italia) e Sara Assicurazioni di via San Maurizio, a Ciriè. Stamattina la proprietaria dell'agenzia, una 62enne di San Carlo Canavese, è stata ritrovata cadavere nella zona del Colle del Lys, lo spartiacque tra la Val di Viù e la Valle di Susa. Era riversa sul sedile della sua auto. Ha deciso di togliersi la vita sparandosi un colpo di pistola. Ora gli investigatori, comandati dal tenente Andrea Zendron, stanno effettuando una serie di verifiche per capire, soprattutto, se il gesto disperato della donna, possa essere riconducibile a quegli spari che avevano tutto il sapore di un avvertimento. Quella sera, all'interno dell'agenzia, era rimasta solo lei. Gli investigatori hanno anche visionato alcune lettere che la 62enne avrebbe lasciato ai suoi familiari per giustificare il gesto definitivo. Dopo le fucilate, sparate nelle serata di venerdì 21 settembre da qualcuno a bordo di una motocicletta, la donna, con gli investigatori, era stata molto chiara: «Non abbiamo mai ricevuto minacce o richieste estorsive».