Articolo

10 dicembre 2018 Ciriè Antonello Micali

L’INTERVISTA. Alla luce della riconfermata partnership con il Risveglio, 4 chiacchiere con “Klay” Broglio e Veronica Alfieri

"Fumetto mania", Misteri in Valle: ecco chi lo realizza

Il fumetto creato da Claudio Broglio, in arte “Klay”, che ambienta storie di noir nel nostro territorio

Cronaca bianca Meno35 Cultura
Una sfida, una scommessa che ha destato interesse nei lettori e negli inserzionisti, grazie all’intuizione del creatore di unire alla fantasia di un noir o di un poliziesco l’ambientazione reale e tangibile del territorio cui si rivolge, coinvolgendo, e romanzando, cittadini e imprenditori

Misteri in Valle, il fumetto creato da Claudio Broglio, in arte “Klay”, che ambienta storie di noir nel nostro territorio, continuerà ad uscire periodicamente sul nostro settimanale anche nel 2019. La partnership con il fumettista valsusino è dunque confermata anche per il prossimo anno.

Merito del successo ottenuto, e non solo tra i nostri inserzionisti che ne hanno scelto l’opzione pubblicitaria attraverso i nostri uffici commerciali comparendo direttamente tra le tavole degli albi. Misteri in Valle è anche piaciuto e destato interesse tra i cultori del genere: in questo caso i collezionisti di fumetti. Lo dimostra il fatto che la seppur ampia scorta dei freepress usciti con il giornale è andata letteralmente a ruba e che presto sarà lo stesso per quella che conserviamo in redazione, verso cui sempre più spesso si rivolgono persone che ne cercano le copie mancanti.

Diverse migliaia di copie ed ultimamente anche le strisce sul giornale per una sperimentazione che ci ha confermato la bontà della scelta di suddetta collaborazione. Ne parliamo con Claudio Broglio, creatore del fumetto e con Veronica Alfieri, la giovane e talentuosa illustratrice con cui collabora orma da qualche anno.

Claudio, o meglio “Klay Broglio”, ci racconti in breve chi sei e come nasce questa passione che oggi è una professione?

«Sono un padre di famiglia di 57 anni che ha cambiato diversi lavori ma che ha sempre portato con se la passione per il fumetto e per questo genere in particolare. Naturalmente nasco come illustratore e impaginatore grafico, di recente ho esordito anche nella letteratura, con un primo romanzo. L’altra mia passione è la politica (ma quella è un’altra storia, ndr) ».

Ti ha stupito il successo di Misteri in Valle, a noi sinceramente un po’ si... e siamo felici di esserlo e di averci scommesso

« Il format era stato sperimentato in altre zone e si era fatto notare ed apprezzare nelle kermesse più importanti del settore, Torino Comics lo scorso anno ci ha pure menzionato; quindi sono grato, ma non del tutto stupito ».

Ho notato nello stile di Alex De Blanc and Co una felice miscela tra citazioni stilistiche ed ispirazioni che sono care agli amanti dei fumetti in maniera trasversale:

« Certo, dai Marvel a Bonelli e passando per molto altro, ma ci hai colto! ».

In comune con Veronica, 28 anni e la passione per il calcio oltreché per i fumetti (nel senso che è una calciatrice come la stampella che esibisce dopo l’ultimo infortunio in campo dimostra) ci sono “i figlioletti di Stan Lee”, cui lei aggiunge l’amore più moderno e orientaleggiante per il genere manga e i suoi ultimi epigoni.

«Sono una freelance a 360 gradi. Ho una agenzia e un’apposita pagina su Instagram dove promuovo le mie creazioni ma lavoro con Claudio a questo progetto con entusiasmo - ci dice - appena giunta a Torino dal Sud, e dopo i miei studi grafici, lui è stato il primo ad offrirmi un’opportunità seria e gratificante».