Articolo

09 aprile 2019 Ciriè Redazione

Protagonista dell'inconsueto episodio il ciriacese Luca Milone

Si rompe la strada ma è domenica e i cantonieri comunali non arrivano: 21enne con pala e sabbia la ripara volontariamente

Il plauso dell'assessore al gesto civico del ragazzo

I cantonieri comunali non arrivano? Poco importa. Armato di sabbia e pala un privato cittadino, nello specifico un ragazzo di 21 anni, volontariamente ha sistemato un tratto di pavimentazione cittadina nella centrale via Vittorio Emanuele dopo l'ennesimo dissesto provocato dalla pioggia

I cantonieri comunali non arrivano? Poco importa. Armato di sabbia e pala un privato cittadino, nello specifico un ragazzo di 21 anni, volontariamente ha sistemato un tratto di pavimentazione cittadina nella centrale via Vittorio Emanuele dopo l'ennesimo dissesto provocato dalla pioggia e -con i pochi mezzi a disposizione - parrebbe pure che abbia compiuto un lavoro ad ogni modo efficace.
È accaduto domenica 7 aprile, a Ciriè, nel Torinese. A dare una mano anche una pattuglia dei Carabinieri chiamati da un residente «dopo aver cercato invano qualcuno del Comune»: i militari in un primo tempo sistemano come possono ma soprattutto, prima di andarsene, circoscrivono con delle cassette e segnalano la grossa pietra che fuori sede costituisce un pericolo per pedoni e automobilisti. Poi però passa tutta la giornata senza che nessuno intervenga più, mentre le cassette poste a segnalazione dai militari vengono rimosse e la pietra ad ogni passaggio di auto peggiora nuovamente la sua posizione. A quel punto Luca Milone, un giovane di Ciriè arriva munito di secchio, cazzuola, sabbia e buona volontà. Raggiunto da altri cittadini che si complimentano per il gesto, offrendogli anche un aiuto, il giovane dirà: «lo faccio perché voglio bene alla mia Città e non sopporto vederla morire». I complimenti Luca li ha poi ricevuti anche dall'assessore ai Lavori pubblici in persona, Aldo Buratto, che puntualizza che già il giorno dopo (lunedì) i cantonieri erano intervenuti ripristinando il pezzo di strada danneggiata: «Naturalmente non è che il Comune se ne sia fregato: purtroppo quando capitano cose di questo genere di domenica diventa difficile intervenire e peraltro non si trattava di una strada da chiudere al traffico completamente. Ciononostante mi compiaccio del senso civico di questo giovane».