Articolo

03 dicembre 2020 Mathi Andrea Trovato

I cani di grossa taglia, che vagavano liberi per le vie del paese, hanno morso la donna e sbranato "Merlino", un pincher diventato la mascotte della scuola

Viene aggredita da due molossi: ucciso il cagnolino che teneva in braccio

I proprietari dell'animale, sbranato da un rottweiler e da un pittbul, si sono rivolti ai carabinieri: «Se la nonna avesse avuto in braccio un bambino, come sarebbe finita?»

Viene aggredita da due molossi: ucciso il cagnolino che teneva in braccio

Non ce l’ha fatta il cagnolino che, la scorsa settimana, è stato aggredito da due molossi davanti alle scuole, pochi minuti prima che i bambini uscissero dall’edificio. I due cani di grossa taglia, che giravano liberi per le vie di Mathi, hanno aggredito e morsicato la donna che teneva in braccio Merlino, cercando di strapparglielo dalle mani.

Sul posto sono subito intervenuti gli operai del cantiere per la realizzazione del nuovo refettorio, oltre alla segretaria dello studio medico associato di via Capitano Gatti, che ha poi portato il pincher dal veterinario a Nole. Purtroppo, però, per Merlino non c’era più nulla da fare. I proprietari del cane si sono poi rivolti ai carabinieri della stazione di Mathi, coordinati dal luogotenente Mario Mura.

(Il servizio completo sul giornale in edicola giovedì 3 dicembre)

AAA