Articolo

23 ottobre 2020 Coassolo Gianni Giacomino

Audrey Savant Aleina ha iniziato a scrivere le lettere dopo che le diagnosticarono un tumore al seno

«La mia battaglia contro il cancro? La racconto in un libro»

La giovane ha auto-pubblicato il romanzo che si intitola "Al di sopra di ogni cosa": ora le è già stato richiesto da alcune case editrici

«La mia battaglia contro il cancro? La racconto in un libro»

Audrey aveva 32 anni quando le diagnosticarono un cancro al seno. Dopo giorni di lacrime e disperazione dentro di lei scattò qualcosa e iniziò «a scrivere» lettere rivolte alla sua malattia, a quella patologia che, spesso, le persone nascondono dietro a «male incurabile». Creò pure il gruppo Facebook «Audrey insieme a voi», pubblicando i suoi pensieri «per alleggerire il momento di malattia» e cominciò ad avere un bel seguito. Ora quelle lettere sono diventate un libro-romanzo «Al di sopra di ogni cosa», che la ragazza di Coassolo ha auto-pubblicato su Amazon e adesso le è già stato richiesto da alcune case editrici. Perché la vicenda autobiografica dei personaggi Amalia e Romeo è la storia delle paure, delle speranze e dei sogni che si mescolano quando uno è costretto a fare i conti con un nemico ostico e, sovente spietato, arrivato quasi sempre all’improvviso a sconvolgere le vite. «Ho iniziato a scrivere un romanzo in modo semplice – racconta Audrey Savant Aleina, che oggi ha 37 anni e lavora come impiegata a Lanzo – che arrivasse dritto all’anima del lettore per provare a spiegargli quello che stavo passando. Questo nella speranza che raccontando me stessa e le mie fragilità regalasse delle emozioni, a chi mi leggesse».

(Il servizio completo sul giornale in edicola)

AAA