Articolo

13 giugno 2019

In collaborazione con Marco Berry e la sua onlus per i bambini del Somaliland

“Natura Urbana”, il progetto dell’artista Osvaldo Neirotti

Ogni albero, a partire da quello della Circoscrizione 4,, sarà anche il simbolo di un tema legato alla protezione dell’ambiente

Cultura Ambiente
Attualmente in Torino sono presenti opere di Neirotti all’interno del cortile del Maglio, patrimonio della città

Da domani, venerdi 14 giugno, a domenica 16 giugno, dalle 9.30 alle 16.30 in via San Donato angolo via Pinelli, l’artista Osvaldo Neirotti eseguirà, in una performance dal vivo, la prima opera di Land Art relativa al progetto “Natura Urbana” intitolata Barri-To.

Neirotti ci ha abituato da tempo alle sue perfomance artistiche che pongono gli alberi al centro della nostra attenzione, vestendoli di simboli, di colori e di sagome per renderli testimonial dell'attenzione all'ambiente.

“Tutti vediamo gli alberi – spiega Neirotti-, ma in realtà li guardiamo senza vederli, passano inosservati, infatti nessuno di noi sa quanti alberi ha sotto casa, se ce li ha e come sono fatti. Gli alberi sono simbolo dell’indifferenza dell’uomo verso l’ambiente. Con quest’opera, ha inizio il Progetto Natura Urbana che vedrà coinvolte numerose circoscrizioni del Comune di Torino. L’opera si chiamerà Barri-To perché vuole essere simbolo dell’attenzione verso la strage di elefanti. Inoltre il titolo contiene sia la sigla del comune di Torino (To), sia l’evocazione per assonanza del cognome di Marco Berry, noto per i suoi servizi di denuncia alle Iene e per il suo profondo impegno sociale verso lo Stato africano del Somaliland, e che è anche uno dei testimonial dell’intero progetto”. Sarà presente Marco Berry venerdì mattina.

"Con la Marco Berry Onlus ci dedichiamo da anni ai bambini del Somaliland perché rappresentano il nostro futuro. L'idea che un'opera mi sia stata dedicata e che quest'opera sia un albero, vivo, mi rende profondamente orgoglioso. Mi auguro che da ora in poi siano in tanti a fermarsi e guardarlo, anche solo per un attimo, e spero possa ravvivare in loro una riflessione sui bambini di tutto il mondo, che sono la nostra speranza, e sugli alberi che ci circondano, che sono la nostra ricchezza!"

 “Siamo onorati e contenti che questa lodevole iniziativa parta da un luogo della nostra Circoscrizione - dichiara il presidente della Circoscrizione 4 Claudio CERRATO -. Da sempre siamo attenti ai temi dell'ecologia e del rispetto dell'ambiente, molte sono le nostre attività, ma il coinvolgimento pubblico con interventi artistici e di altissima visibilità non possono che essere utili a raggiungere il maggior numero di nostrii concittadini”.

L’albero, sarà vestito con colori completamente naturali e atossici preparati con una ricetta che Neirotti ha ideato partendo da materiali già usati nell’Ottocento per vestire, nutrire e proteggere gli alberi.

Ogni albero, a partire da quello della Circoscrizione 4 fino a quelli che saranno presenti nelle varie circoscrizioni che hanno aderito al progetto, sarà il simbolo di un tema legato alla protezione dell’ambiente, della natura e del territorio. Attualmente in Torino sono presenti e visibili a tutti, già da un paio d’anni, delle opere di Neirotti all’interno del cortile del Maglio, patrimonio della città di Torino.