Articolo

19 febbraio 2019 Volpiano Redazione

Pronto l'intervento del sindacato Uilm e Uil che ha espresso l'auspicio che il ministero autorizzi presto l'erogazione della cassa anche per la "ditta gemella"

Comital: c'è il decreto per l'erogazione della cassa integrazione, ma non per Lamalù

Il provvedimento coinvolge 94 lavoratori. Ne rimangono per ora al palo 24

Economia e Lavoro Politica
Comital e Lamalù erano fallite a giugno ed erano già state messe all'asta. L'accordo per la "cig" era stato firmato il 17 dicembre scorso

«Dopo diversi problemi burocratici che hanno allungato i tempi, si è finalmente arrivati alla firma del decreto per l’erogazione della cassa integrazione per cessazione per i 94 lavoratori della Comital di Volpiano. Ci auguriamo a questo punto che Comital faccia tutto il possibile per accelerare l’iter presentando tutta la documentazione necessaria all’Inps in modo da garantire finalmente ai lavoratori il sostegno economico di cui hanno diritto e necessità. Il Governo ha evitato una procedura di licenziamento collettivo che avrebbe reso inevitabilmente ancora più complicato il loro reinserimento lavorativo. Nel frattempo si sta lavorando con buone prospettive per cercare nuovi investitori per il rilancio produttivo di questa realtà, le cui vicende abbiamo seguito dal primo giorno con la massima solerzia». Così oggi, dopo l'annuncio del ministero, con un comunicato congiunto gli esponenti del Movimento 5 Stelle Bertola, Costanzo e Frediani, rispettivamente candidato alla presidenza della Regione Piemonte, deputata nazionale e consigliera regionale, hanno salutato l'atteso e fondamentale passaggio per la risoluzione della nota vicenda. Peccato però che e il ministero si sia dimenticato dei 24 addetti della Lamalù, l'azienda legata alla Comital e fallita a giugno con la "ditta gemella".

Pronto l'intervento del sindacato Uilm e Uil che ha espresso l'auspicio che il ministero autorizzi presto l'erogazione della cassa anche per i dipendenti di Lamalù, perché non esistono lavoratori di serie B e perché gli ammortizzatori sociali dovranno essere un viatico affinché il bando per la cessione delle due aziende abbia esito positivo",

Argomenti