Cronaca nera

scoperto-l-autore-dei-manifesti-anonimi-e-minacciosi-nel-torinese-contro-i-parlamentari-traditori-dei-cinque-stelle-video

I militari dell’Arma hanno denunciato per diffamazione aggravata e istigazione a delinquere un italiano di 52 anni incensurato residente a Ciriè

Scoperto l'autore dei manifesti anonimi e minacciosi nel Torinese contro i parlamentari «traditori» dei Cinque Stelle - VIDEO -

I carabinieri all’interno della sua abitazione hanno rinvenuto 75 volantini già pronti per l’affissione

Nelle affissioni si esortava a costituire presidi sotto le abitazioni dei parlamentari, con tanto di nomi e indirizzi (tra questi anche quello del senatore Alberto Airola che è originario delle Valli di Lanzo), «per assediarli sotto casa»

spuntano-manifesti-minacciosi-contro-i-traditori-a-5-stelle-del-torinese-troviamoci-sotto-casa-di-airola

Affissione anonima con tanto d'invito e indirizzo presso cui recarsi per punirli

Spuntano manifesti minacciosi contro i "traditori a 5 stelle" del Torinese: "Troviamoci sotto casa di Airola"

Tra i primi nel mirino il parlamentare Alberto Airola, originario delle Valli di Lanzo

Ora saranno le indagini delle forze dell'ordine a cercare di far chiarezza su tali casi e a risalire agli autori: trattandosi di parlamentari e comunque di politici con ruoli istituzionali sarà ovviamente coinvolta anche la Digos

commercio-illegale-di-avorio-statuine-zanne-e-altri-manufatti-mettono-nei-guai-27-persone

Grazie alle indagini del distaccamento di Caselle del Nucleo Carabinieri Cites

Commercio illegale di avorio: statuine, zanne e altri manufatti mettono nei guai 27 persone

Nell’ambito della campagna “Golden tusks”, finalizzata al contrasto del fenomeno

«La vendita di tali manufatti, cosi come imposto dalla stessa convenzione di Washington sul commercio internazionale di specie di flora e fauna minacciate di estinzione e recepita dall’UE con il Reg. 338/97, è sempre vietata, salvo specifiche deroghe espressamente concesse dall’Autorità competente»

roberto-gaiottino-e-la-moglie-uccisi-per-una-truffa-da-45mila-euro

La coppia di coniugi di Barbania era stata vittima di un agguato in Colombia

Roberto Gaiottino e la moglie uccisi per una truffa da 45mila euro

Si erano accorti di aver comprato dell'oro fasullo e pretendevano la restituzione dei soldi

Secondo il tribunale colombiano, ad ordinare il deliitto è stato Oswaldo Londoño Barahona, un commerciante di preziosi e cambia-valuta di Pereira, città di cui era originaria la moglie dell'imprenditore canavesano, Claudia Dominguez Zabala

I NOSTRI MEDIA PRESS
  • Il Risveglio di Venaria
  • Il Risveglio del Canavese
  • Notizie da Val della Torre
  • Notizie da Givoletto
  • Notizie da Fiano
  • Guida al campionato Juve
  • Guida al campionato Toro
  • Guida Formula1
  • Guida Moto GP
  • Le Valli in Vetrina _ Ceres
  • La Spada nella Rocca _ Ciriè
  • Fumetto Misteri in Valle
  • Agenda/Gustappunto
  • Calendario

Testi e foto qui pubblicati sono proprietà Il Risveglio; tutti i diritti sono riservati. L'utilizzo dei testi e delle foto on line è, senza autorizzazione scritta, vietato (legge 633/1941). Editori "Il Risveglio" Srl Partita iva e codice fiscale: 02707610016

Scroll to Top