Articolo

14 maggio 2019 Venaria Reale Gianni Giacomino

Così uno studente 23enne ha scavalcato le protezioni del ponte di via Amati minacciando di gettarsi di sotto, in mezzo al traffico

Litiga con la fidanzata e tenta il suicidio, un passante lo convince a desistere

La storia è identica a quella avvenuta la settimana scorsa quando una pattuglia del nucleo radiomobile ha «salvato» un 19enne che voleva buttarsi dal ponte di corso Garibaldi. Per amore

Tensione stamattina a Venaria fino a quando il ragazzo è stato notato da una passante che l'ha afferrato per un braccio e ha iniziato a parlargli

In mattinata la sua fidanzata aveva deciso di mollarlo. E lui non l'ha presa molto bene: «Se è così mi ammazzo, senza di te non voglio più vivere». Così uno studente 23enne di Venaria, ha scavalcato le protezioni del ponte di via Amati che si affaccia sulla tangenziale nord di Torino, minacciando di gettarsi di sotto, in mezzo al traffico. Ma, il ragazzo, probabilmemte, voleva solo parlare con qualcuno. Infatti è rimasto a guardare il traffico per un po', fino a quando è stato notato da una passante che l'ha afferrato per un braccio e ha iniziato a parlargli. Intanto diversi automobilisti che transitavano sulla tangenziale hanno assitito alla scena, chiamando la polstrada che, a sua volta, ha subito avvertito i carabinieri della Compagnia di Venaria. Un militare ha quindi scavalcato la rete di protezione ed riuscito a recuperare il giovane disperato. Che poi è scoppiato in lacrime sull'ambulanza che lo ha trasportato al pronto soccorso del Maria Vittoria. La storia è identica a quella avvenuta la settimana scorsa quando una pattuglia del nucleo radiomobile ha «salvato» un 19enne che, dopo aver bisticciato con la sua fidanzata in un bar davanti al Juventus Stadium, voleva buttarsi dal ponte di corso Garibaldi.