Articolo

12 dicembre 2018 Ciriacese Angela Pastore

Una carriera da provocatori che dura da 29 anni. E non è finita

“Figli di un dio peggiore” il ritorno dei Fucktotum

Dopo 7 anni e un processo (vinto) coi civich, il nuovo album

Meno35
«Rispolveriamo la memoria cantando e ballando con loro i vecchi classici venerdì sera 14 dicembre alla Soce di Ciriè

Anno nuovo album nuovo per i Fucktotum, che si apprestano a pubblicare “Figli di un dio peggiore”, ultima produzione che arriverà con l’Epifania al Blah Blah di Torino sabato 5 gennaio.

La storica band calca palchi anche nazionali con il suo stile punk rock dal 1989 e sembra non finire mai le idee, neanche con la nuova formazione, che si è dedicata alla realizzazione di quello che sarà il nono album di brani completamente originali dei Fucktotum.

I recenti addii del vocalist Mauro Gariglio, del chitarrista Roberto Aseglio e del batterista Fabio Santo avevano deluso i fan e potevano segnare la parola fine sulla band, che per anni ha prosperato grazie alla forza del sodalizio e all’inesauribile energia di tutti i componenti. Ma uno stop è arrivato ed è durato qualche mese. Il destino della band sembrava compromesso e nessuno poteva immaginare (e comunque in tantissimi lo speravano, ndr) la grande rigenerazione che sarebbe avvenuta di lì a poco.

Con grande sorpresa dei fan, la band ha ritrovato l’energia e si è scoperta ancora prolifica a livello di nuove idee con l’arrivo di Andrea (ex cantante degli Andre non dorme) alla voce, Paolo Inserra alla batteria e Davide Costa alla chitarra. Il tutto coordinato dagli storici Alessandro Banche e Dario Marcon (unico fondatore rimasto della band) al basso e alla chitarra.

I primi concerti sono stati emozionanti per i fan, che hanno apprezzato i nuovi membri, già molto conosciuti in zona, e rivisto in questa formazione, sebbene rivisitata secondo le caratteristiche peculiari dei nuovi musicisti, tutta la carica di un tempo.

«Con la nuova formazione era una vera scommessa pensare di registrare un altro album. Pensavamo che le idee si sarebbero esaurite o che non avremmo trovato la giusta marcia. Invece, con nostra grande sorpresa, ne è uscito un altro album», ha detto il bassista.

Invece il miracolo di coesione che serve a una band è avvenuto. Dopo la giusta preparazione, “Figli di un dio peggiore” è pronto e sarà presentato live e disponibile in cd al prossimo concerto di Torino.

Undici tracce di pungente ilarità segneranno così un’altra tappa di una lunga carriera di provocatori.

Ma prima di immergerci nella rinascita dei Fucktotum, rispolveriamo la memoria cantando e ballando con loro i vecchi classici venerdì 14 dicembre alla Soce di Ciriè, quando con la band live sarà garantito “il classico AntiNatale”.